LEAN CONSTRUCTION: PARTIAMO DALL’INIZIO

La mia professione mi ha permesso di partecipare a vari tipi di progetti, da implementazione di sistemi di gestione in aziende di piccole e medie dimensioni a complesse realizzazioni di infrastrutture.

Ho imparato molto sulle tecniche gestionali e operative ma soprattutto ho conosciuto persone e modi di pensare.

Caratteri più o meno forti e autoritari, leader e motivatori eccezionali, uomini che hanno paura di condividere la loro esperienza ed eccellenti formatori.

Perché parlo di caratteristiche che riguardano la sfera comportamentale in un post sulla Lean Construction?

Ma perché la risposta in tutti i metodi gestionali di successo è nelle persone.

Quando si studia per diventare ingegnere, geometra o esperto di qualsiasi altra materia, si studiano contenuti, formule ed ogni sistema per risolvere problemi tecnici più o meno conosciuti.

Quando si studiano materie comportamentali, si studiano le reazioni delle persone, le motivazioni, i sistemi di apprendimento ecc…

Da ingegnere gestionale ho imparato invece a dialogare con persone con preparazioni differenti, tecnici ed esperti di diverse materie che, per quello che ho visto io, difficilmente riescono a comunicare con esponenti di campi differenti dal proprio.

La lean construction (per documentarti velocemente it.wikipedia.org/wiki/Costruzione_Lean) mette l’accento proprio sulla comunicazione fra diversi soggetti, nelle diverse fasi del progetto.




Per farla facile, senza parlare di WBS, Gantt, ecc…, un progetto (dalla fase di progettazione a quella esecutiva) non può essere portato a termine con successo se i partecipanti non discutono fra loro, tutti e in tutti i momenti.

Il progettista, per quanto creativo e preparato, non farà un buon lavoro se il caposquadra non è interpellato per verificare la realizzabilità di un particolare dell’opera.

Il consiglio di un esperto operaio non deve essere eseguito senza essere messo in discussione da un giovane componente dello staff con idee fresche e innovative, perché si rischierebbe di fare le cose sempre nello stesso modo e quindi di non adattarsi a nuove sifde.

Insomma penso che hai afferrato il concetto, comunicazione trasversale, rispetto per le persone e per le idee nuove; per approfondire questi concetti continua a visitare il mio blog e aggiungi i tuoi commenti.

Ti saluto, alla prossima

Se vuoi la presentazione che ho tenuto su questo argomento, i miei contatti sono in questa pagina: http://gabrieletommasi.it/?page_id=34

Un pensiero su “LEAN CONSTRUCTION: PARTIAMO DALL’INIZIO

  1. Pingback: IL FLUSSO DI UN SOLO PEZZO, PER VEDERE SUBITO L’EFFETTO CHE FA | Gabrieletommasi's Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *